martedì 24 luglio 2012

Ad occhi chiusi.

In tutto questo affanno mi tranquillizza il guardare gli altri. Osservo i cambiamenti. Più io mi sfumo in una nebbia più la socia si definisce. Spesso la trascuro, sono assente, portata via da altro, eppure è lì che mi riposo, in tutto quel suo vivere denso. La guardo passando, io sempre con qualcosa in mente da far dopo. Il cellulare troppo pieno, la ricarica da fare, la spesa, le bollette, la raccomandata alla posta... Rimando tutto a dopo e faccio una cosa alla volta, quella che sul momento mi serve, tutto il resto accumulo e lascio indietro. Forse mi staccheranno qualche utenza, farà parte anche questo del momento caotico. Trovo chiamate perse, gli sms e le email restano indietro mentre passo da un binario a una biglietteria, dal pisolare sul sedile al cercare di vincere la montagna di panni da stirare. Rimando tutto, ma non sono ferie e così non metto alcun cartello. Lascio spalancato e il vento e il cielo grigio di questi giorni plumbei passano qua dentro. Mentre cammino sulla statale polverosa mi passan vicino i pullman, i furgoni, le macchine. Poco più avanti caracolla un cane da caccia, va sghembo e inopportuno, a volte scarta e d'improvviso attraversa. In giro nessuno, lo porta il vento, tremante e perso. Io vado avanti, stanca, come un'automa, cercando un'impermeabilità qualunque.

8 commenti:

  1. Non so che scrivere. Sono passata di qui, ho letto e ho sentito. Ecco.

    A presto!

    RispondiElimina
  2. Ogni tanto avere tanti impegni è utile, per un po' non pensi e non stai li a fare inutili riflessioni. Ma a quanto pare tu hai bisogno di fermarti no? Anche io avrei lo stesso desiderio fossi in te, ma secondo me è meglio andare avanti a fatica, piena di cose da fare, piuttosto che tornare nel fantastico mondo dei pensieri e delle riflessioni. Avrai tempo per rispondere alle mail, rilassarti e tutto il resto. Goditi questo affanno!

    RispondiElimina
  3. Belledonne :****
    Lad. Slog.

    RispondiElimina
  4. intanto il tempo per scrivere c'è..
    e non è poco.
    Sei ancora lì, viva, sotto il cumulo..Poi quando ti fermi riparte anche il cervello che genera idee che fanno ripartire le mani che già sapranno cosa fare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tempo di fermarmi sarà il momento di ripartire... non c'ho il fisico Morandiiiii :D

      Elimina
  5. passavo di qua26 luglio 2012 01:15

    Non preoccuparti, impermeabile sei impermeabile!

    RispondiElimina
  6. Ah, io impermeabilissima, è vero, altrimenti sarei affogata dopo due anni e passa di queste pisciatine per marcare il territorio.

    RispondiElimina